Archivi categoria: Mondo Otrè TT

VOGLIA DI RIPARTIRE IN “LEGGEREZZA” AI TEMPI DEL COVID19

Noci (Ba)

Spirito di “leggerezza”! Il leitmotiv che ha unito gli amici dell’O3TT, Chiara, Checco, Rosa e Fabrizio, durante la prima fase post lockdown e così hanno deciso di viaggiare in Puglia percorrendo 100 km di bici al giorno partendo da Taranto, proseguire verso Santeramo, Altamura, Barletta, Manfredonia e concludere la tappa a Vieste e infine un salto dove l’acqua è più blu, alle Isole Tremiti. Un viaggio caratterizzato dalla presenza costante di vento di tramontana che ha reso arduo il viaggio ma ha temprato fisico e mente. Quest’ idea, del viaggio in bici – spiega Chiara – nasce nel pieno della quarantena, la mente viaggia veloce e non riesce a star ferma, le gare non potevano farle e visto che abbiamo sempre bisogno di un obbiettivo abbiamo pensato: Guarda l’ha fatto Jovanotti? E perché non lo facciamo anche noi? Scegliamo le Tremiti come meta, come punto di arrivo partendo da Taranto (il nostro centro di gravità permanente). Attrezziamo le nostre bici, quelle con le quali ci alleniamo e facciamo le gare, infiliamo nelle borse da viaggio con il minimo indispensabile per la “sopravvivenza” e partiamo. Avevamo tutti bisogno di leggerezza…di sentirci leggeri con la testa e con il fisico, con quelle poche cose che ci portavamo dietro e altrettanta voglia di lasciarci alle spalle un periodo difficile come quello della chiusura, ma soprattutto eravamo uniti nell’ idea di pedalare attraversando il nostro territorio raggiungendo nuovi luoghi con le nostre uniche forze…le gambe. Un viaggio serve a rafforzare l’amicizia e a rinsaldarla, un viaggio con gli amici in bicicletta è vita.

Ufficio Stampa Otrè Triathlon Team
ufficiostampao3tt@gmail.com

Intervista ad Amin Sharin

Le organizzazioni eurepee richiedono sempre di più capacità plurime in grado di governarne i processi. A proposito di competenze, si parla di «comprovata capacità di utilizzare conoscenze, abilità e capacità personali, sociali e/o metodologiche, in situazioni di lavoro o di studio e nello sviluppo professionale e personale». Per capirlo bisogna fare riferimento al concetto di competenza o skill. Per chiarire meglio il concetto, ringraziamo a nome di tutta la Otrè Triathlon Team, Shirin Amin, EU Projects Director at Champions Factory, per la preziosa intervista.

-Based on your experience, what do you think are the critical issues regarding European funds that do not allow our country to use funds adequately, which is therefore quite varied from region to region?

Often what I see in our country is that the ones that need the European funding often have either no access to the information about those funding opportunities, or lack skills and knowledge on how to prepare their application form and be more competitive. What I see is that often organisations and individuals who have many ideas cannot really put that in paper and apply for it. Unless there’s someone more experienced in project writing, organisations struggle because they either quit or apply for funding but their applications get rejected because they are poorly evaluated.

What do you think are the most important skills to become a European designer?

One of the most important skills to become a good project designer are great time management to keep up with the tight deadlines, good knowledge and understanding of the European policies so that the project proposals consider all aspects of current policies and trends, and great communications skills needed when pitching ideas and communicating with partners. Crucial skill is to foresee problems and prevent.

What would you recommend to a boy who wants to start this profession?

I would recommend to participate in different European funded opportunities like youth exchanges and training courses. It would help anyone who seeks a career in project writing to understand and experience project activities. This would help the boy to compare and understand better different topics, project implementation, etc. and use them as a base of his own work. I would also highly recommend to volunteer in an organisation which is already writing and implementing projects and become part of that process. Ultimately, I would recommend “always surround yourself with smarter than you people”

Any reflections on your profession and European planning?

My profession has been very challenging yet very inspiring. I have been able to meet fantastic bright people, travel many places to learn new practises that change the local communities and be able to disseminate them together with our partners.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: